Archive for June, 2011

E UN ALTRO PRINCIPE AVRA’ LA SUA PRINCIPESSA…

Thursday, June 30th, 2011

SE LA FAVOLA CONTINUA

Dopo tante frequentazioni Alberto di Monaco porterà all’altare l’ex campionesa di nuoto sudafricana Charlene Wittstock in due tappe, domani il rito civile e dopodomani quello religioso. Matrimonio d’amore oppure una garanzia di continuità della stirpe? Certo a noi non cambia la vita, ma sognare che sia tutto vero alimenta la speranza che l’amore imbastito di sospiri e inciso su cortecce di alberi secolari possa ancora esistere.

Intanto i preparativi fervono nel Principato dove nuove disposizioni del traffico sono state emanate per poter accogliere i curiosi e i tanti turisti che hanno prenotato per il “Marriage”. Organizzata anche una mostra fotografica sulla famiglia principesca con in esposizione una ventina di scatti tra i più antichi e significativi della nobile famiglia. E poi eventi e spettacoli come se non fosse già un evento e uno spettacolo per il mondo intero il famoso Marriage. E sarà anche un’occasione commerciale per i fantasiosi inventori di gadget. Ladurèe ha preparato una confezione apposta dedicata agli sposi e in quantità limitata dei suoi famosi “macaron” che hanno un gusto a me non troppo gradito.

Pare che per rendere omaggio alla terra natià della sposa la torta avrà la forma del fiore simbolo del Sud Africa, la protèa, che nel linguaggio dei fiori vuol dire diversità e coraggio. Pare anche che le rose, novemila rose, che allestiranno il percorso nuziale, arriveranno dall’Ecuador. E che il bouquet della sposa come tradizione di famiglia sarà portato a Santa Devota e i neosposi quindi lasceranno La Rocca per andare nella chiesetta dedicata alla Santa Patrona di Monaco.

Noi aspettiamo di vedere i loro abiti griffatissimi e le loro acconciature e accessori. Sapremo anche dei loro illustri ospiti e di quanti yacht ci saranno nel porto. Speriamo di catturare anche la loro gioia.

Teresa d.

 

SALDI-OCCASIONI-SCONTI-AFFARI-OFFERTA-RIBASSI-OUTLET…

Tuesday, June 28th, 2011

Calo di vendite, tutti in vacanza o in attesa dei saldi?

 


Come ogni anno di queti tempi noi negozianti di abbigliamento in città registriamo un drastico calo di vendite. E’ fisiologico. Sappiamo che chi ha bisogno per la cerimonia ha già provveduto, chi vuole qualcosa di nuovo per rinnovare il suo guardaroba ha già acquistato, parte della gente comincia ad andare al mare da pendolare, qualcuno comincia le ferie e si sposta, molti aspettano i SALDI.

QUEST’ANNO CALENDARIO UNIFICATO

SI PARTE IL 2 DI LUGLIO IN TUTTA ITALIA

( tranne a Bolzano che sarà l’8,  a Trento che sono stati liberalizzati )

( e da Anter abbigliamento a Cava dè Tirreni che non sono mai esistiti ).

Ma perchè quando si è nel pieno delle vendite estive i commercianti svendono la loro merce? Ve lo siete mai chiesto? Perchè, questa operazione che è nata per esigenza di smaltire la merce in esubero e per dare possibilità al cliente di comprare qualcosa di più ma a prezzo scontato, si è trasformata in una corsa al ribasso senza freni? Negli anni dell’illegalità, dei compromessi, delle bugie, degli inganni, dei ricatti, delle truffe, della disonestà, dell’evasione, siamo riusciti a trasformare i saldi in una speculazione senza limiti che crea solo disagio e confusione nel consumatore finale che non sa più dare valore a quello che compra. E che aspetta i saldi per comprare.

E così paroloni e numeri imbratteranno le vetrine oscurandone l’interno con promesse quasi mai mantenute di prezzi ribassati. Ho sempre sostenuto che la corsa ai saldi e a chi comincia prima e chi di più, è un’operazione che ha destabilizzato i mercati e ha reso sospettoso il consumatore che ovviamente mostra sempre meno fiducia nelle capacità e competenze del venditore. Se ancora si può affermare che esiste “venditore capace e competente”. Oggi tutti improvvisano tutto, ed è consentito.

VI RICORDO CHE

noi di ANTER abbigliamento non abbiamo mai partecipato a questa gara al ribasso. I nostri prezzi fissi sono da sempre garanzia di giusto rapporto con la qualità che proponiamo. Vi invito anche ad approfittare dei saldi solo delle grandi firme e ad acquistare solo nei loro negozi specializzati, molti capi firmati sono solo dei falsi e delle imitazioni.

Vi aspettiamo per parlare insieme di moda e di “come vi sta”.

Teresa d.

 

TUTTI IN COSTUME DA BAGNO

Friday, June 24th, 2011

PIENA ESTATE – FACCIAMO IL PIENO DI SOLE?

Tempo atmosferico perfetto quì al sud per portare la mente a vacanze imminenti. Meta preferita da molti: il mare.

Protagoniste le vetrine dei costumi e non solo, la nostra piccola valigia estiva vuole il pieno di abitini leggeri, colorati e scollati, pantaloni di lino o viscosa cascante, lunghi, capri, bermuda o cortissimi shorts, pareo dalle tonalità più sgargianti, piccoli bijoux di pietre naturali, le creme solari , il cappello di paglia,  infradito e le ciabattine da mare, gli occhiali da sole e un parka o un golfino per le sere in barca e una tuta e le sneakers se abbiamo voglia di jogging.

 

Le proposte sono infinite e per tutte c’è il modello e il colore preferito.

Solo le fashioniste non avranno problemi. Hanno digiunato e affollato palestre e piscine. Hanno gia fatto la lampada sui corpi perfetti e un ritocco quà e là avrà stirato le pieghe. Stanno bene con tutto, sanno solo seguire la moda e compreranno quello che suggerisce lo stilista preferito del momento.

 

Per la grande maggioranza di tutto il resto dell’universo femminile invece:

” IO QUEST’ANNO AL MARE NON CI VADO! “


E’ la frase urlata allo specchio alla prima prova costume, quello dell’anno scorso tirato fuori di corsa, quella fatta a casa perchè è una bella giornata di sole e domani vorresti andare al mare perchè il mare ti piace e ti piace anche la pelle un pò ambrata, ti dona colore, più luce e ti piaci di più, e sai che stare nell’acqua fa bene alla circolazione e che nel mare farai nuoto e ginnastica acquatica, tutto quello che in inverno hai pigramente saltato e stavolta hai proprio evitato. E quando ti vedi con addosso il costume sai solo lanciarti uno sguardo assassino. Poi pensi:

” IL SEGRETO DELLE MIE CURVE “?


Avrò fondato una lega per la soppressione delle virtù! Mi sono lasciata andare alla pigrizia e ai piaceri del palato. Ora trovo rimedio in una parola che mi piace e invito anche voi a pensarla, si chiama “PIACERSI”! E nella scelta di modelli più giusti per un corpo che non è più com’era o come quelli proposti. Le aziende produttrici si dedicano con sfrenata fantasia e creatività a proporre nuovi tagli perfetti.

 

Il bikini con top a triangolo, la fascia o le coppe imbottite, nei colori uniti o tutti fioriti, stampe effetto serpente o maculato sfumato, e anche in tessuto luccicante e abbagliante. Il sotto avrà fiocchi o laccetti regolanti, più alto in vita che tiene più stretto, brasilaina per corpi perfetti, nuove forme a coulotte per i fianchi abbondanti, bassi a fascia che non sembra ma slanciano tanto.

ABBIAMO SCELTO?


C’è anche l’intero che sembra un po austero ma è molto scollato e dai tagli più nuovi, incroci arricciati sul corpo, unito o stampe colorate di grande effetto, olimpionico sempre molto intrigante, sanno donare stile e un’eleganza perfetta. Molto utili da usare come bustier per le feste in piscina.

E poi abiti larghi che non attaccano addosso, pantaloni di cotone o di lino di linea svasata, casacche larghe di linea arricciata, il pareo più lungo di quelli tipo cintura, un cappello con falda gigante,  tacco che slancia la mia figura diventata abbondante. Una borsa capiente per le mie cose da spiaggia: un telo sottile, una crema, gli occhiali, il mio libro e scarpette di gomma.

SONO PRONTA!


Non sarà qualche chilo di troppo a tenermi imbronciata l’estate!

Teresa d.

MATURITA’ – PRIMO GIORNO D’ESAME – MA…

Wednesday, June 22nd, 2011

…GLI ESAMI NON FINISCONO MAI!

Oramai fuori dall’infanzia, piccoli giovani adulti si avviano a una prova d’esame. Stanno attraversando  “La linea d’ombra”, come Joseph Conrad definisce quel sottile, breve, sfumato confine tra la giovinezza e la maturità. Tutta l’umanità ci passa attraverso per capire che non si raggiunge mai il compimento del sapere, sarebbe come mettere fine alla speranza e al domani.

Se siete consapevoli che il sapere può fare molto per l’uomo, se avete imparato ad ascoltare voi stessi, le vostre motivazioni, i vostri interessi, se avete capito come sviluppare e esprimere le vostre considerazioni, se sapete direzionare il pensiero, troverete la concentrazione perfetta per la prima prova d’esame, e sarà facile continuare nei giorni a venire.

Affrontare le cose pare cosa difficile ma è con la forza del coraggio che si affronta la vita. Sono sicura che sarete perfetti perchè siete vivi per i vostri sogni e le vostre possibilità di successi. Voi dovete costruire il futuro!

Un grande abbraccio a Carmine, Domenico, Sonia, Mario, Giovanna, Luigi, Elisabetta,  e a voi tutti così tanto concentrati e impegnati. E… fatemi sapere come è andata.

Teresa d.

 

 

BENVENUTA “ESTATE”!

Monday, June 20th, 2011

Tutti pronti per l’estate?

Non parlo di misure da “top” o da “tap”, di muscoli scolpiti esibiti, di dieta altrimenti la taglia abbondante si vede, di pants o shorts su gambe perfette, di bikini succinto o l’intero che slancia e nasconde, e nemmeno di guardaroba all’ultima moda o di valige stracolme che vanno caricate. Non è solo questa l’estate.

 

Pensiamo insieme all’estate come la stagione delle giornate più lunghe e luminose, dei fiori colorati e gioiosi, del cielo più alto e più azzurro, della frutta matura e succosa, di cibi leggeri e grigliate in giardino, dei tramonti rosso fuoco che spostano il sole più giù da un’altra parte nel mondo, dei toni struggenti e malinconici del crepuscolo, delle stelle cadenti, delle lunghe passeggiate, dei libri ripresi dal silenzio polveroso delle biblioteche, di artisti che espongono lungo le vie, delle chiacchiere da salotto nei bar all’aperto come affacciati su una variegata umanità che si muove, dei vestiti scollati sui corpi un po ambrati, dei campi coltivati, chi le sere nell’orto a innaffiare, del sudore di corpi all’aperto a lavoro, dei nonni al parco che si sono ritrovati, del vocio dei bimbi su scivoli occupati, dei ventagli che muovono l’aria, dell’ora della siesta, di vicoli tra case squadrate e l’invito di tavoli imbanditi, della scuola che è finita, degli esami per alcuni ma si sa che gli esami non finiscono mai, delle luci che accendono le seconde case e di quelle che restano spente su un tempo finito, di sport per la strada nelle ore che vuoi, di pic-nic, di raduni, di bagni nel fiiume, di terme e di fanghi che fanno bella la pelle, delle gite al lago, di scalate in montagna ma senza la neve, di sagre e di feste di paese, di foto ricordo da scattare, di paesi e di spiagge che prendono vita, di palchi e sfilate di “miss”,  dei falò nella notte, di amori imbastiti di sospiri che a settembre già sono finiti, dei giorni al mare, chi al lido, chi sui ciottoli, chi la sabbia fine, chi la sdraio, chi la spiaggia selvaggia, chi tutti in piscina, chi fa lunghe nuotate, chi sta al sole disteso, chi le creme solari e il suo fototipo, dei cappelli di paglia e le falde spiegate, delle onde più alte e di quelle più lunghe, delle vele che sfidano i venti, delle scie delle barche che tracciano vie, di ombrelloni come dischi rotanti volanti e atterrati, di villaggi dove tutto è per te, di animatori curiosi e giocosi, delle cene in terrazza al lume di candela, della macchina scoperta, dei motorini in Costa D’Amalfi e non solo, dei gelati sul cono, le discoteche all’aperto, dei concerti e “Le corti dell’arte”, del teatro in piazza, del cinema allo stadio, dei fuochi d’artificio che esplodono ovunque, delle pedalate in bici, dei cammini religiosi, dei nudisti che si sentono liberi, dell’aurora che chiama l’alba perfetta, di paesaggi e panorami mozzafiato come quadri colorati dove soffia la vita,  di vacanze vicine, di città da visitare, di luoghi che vuoi rivedere e di posti che speri abbelliti ma non cementificati, di un lavoro stagionale, di un lavoro ritrovato, di rinnovata energia che sa donare la luce e io spero di più a chi ha bisogno di forza e di pace, (non mollare Maria Assunta), di viaggi lontani, di sogni di viaggi lontani, di pensieri che tessono un universo di cose superflue e poi la gioia che vince sulla semplicità e su una scena perfetta: un paesaggio immutato incantato, una giornata di sole, noi e le nostre parole, racconti di vita vissuta, un incontro per caso su una spiaggia scoperta per gioco in un giorno di inizio d’estate.

Ieri, Palinuro, Spiaggia della Marinella, primo bagno, Betta e Andrea.

Momenti che fanno bella la vita. Benvenuta ESTATE!

Teresa d.

PITTI IMMAGINE UOMO – DAL 14 AL 17 GIUGNO …

Friday, June 17th, 2011

80 anni ma non li dimostra! Si chiude oggi la Kermesse n.80 dedicata alla moda uomo P/E 2012.

A Firenze nello scenario di Fortezza Da Basso dove arte e moda si incontrano alla perfezione tra sfilate mostre e eventi, le grandi firme della moda internazionale colgono l’occasione per accrescere la loro visibilità. Come sempre grande affluenza di curiosi e compratori da tutto il mondo. Spazio anche per le giovani promesse e un concorso a loro riservato: Who’s on Next (chi è il prossimo), dove anche futuri stilisti hanno avuto la loro occasione di farsi conoscere. Per noi occasione di scoprire le tendenze moda maschile per la prossima stagione estiva (sotto le sneaker Radii, che in america stanno spopolando…in Italia arriveranno a settembre nei migliori store).

In america stanno spopolando ...saranno da noi dal prossimo settembre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pare che il casual, stile preferito in assoluto da uomini e donne sia in città che in vacanza, per lavoro (io non lo trovo adatto in ufficio e per tutti i lavori manageriali) o per il tempo libero, sarà ravvivato da vivaci accostamenti cromatici, anche gli accessori saranno coloratissimi. Il classico contemporaneo si mantiene sul formale cambiando un po forma e vestibilità con giacche accorciate e più attillate e di nuovo a due bottoni.

Ovviamente anche noi venditori-negozianti di provincia con piccoli spazi espositivi siamo alle prese con gli acquisti per la stagione estiva prossima e proprio ieri il nostro pomeriggio è stato dedicato al campionario di giubbotteria e pantaloni uomo della nostra azienda leader che nelle sue varie linee Blue Side, BTS, Lui collection, Sea Barrier, sa sempre coniugare qualità-vestibilità-immagine-prezzo. Da noi classicità e tradizione si fondono con novità e rivisitazioni di tessuti o piccoli accorgimenti come bottoni colorati e fibbie particolari. Anche noi sappiamo che l’uomo ha bisogno di outfit impeccabile e vi aspettiamo per parlare insieme di moda e di come vi sta.

Il vero uomo ha la saggezza di essere e vuole piacersi.

Teresa d.

MA IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE???

Tuesday, June 14th, 2011

Il cliente ha sempre ragione! E’ lo slogan creato da Henry Gordon Selfridges, fondatore dell’omonima catena londinese di grandi magazzini e ripetuto ancora oggi come verità assoluta a ogni nuovo assunto nel mondo.

Ma il cliente ha “davvero” sempre ragione? Si, il cliente ha sempre ragione tranne quando spesso ha torto.

Noi che facciamo un mestiere che amiamo, che ci fa essere dinamici e attenti alle frivole esigenze di moda, noi che abbiamo doti di ascolto e di accoglienza, noi che siamo preposti a mostrare – consigliare – abbinare – descrivere – porgere, noi che non dobbiamo essere stanchi nemmeno il sabato sera all’ora di chiusura quando molti entrano a chiedere “qualcosa di elegante per me”, noi che siamo pronti a consegnare una piega tra un’ora, noi che sappiamo sorridere a tutti e alla vita, noi commessi preposti alla vendita, quanta considerazione abbiamo? E’ una domanda che ci facciamo spesso ultimamente poichè percepiamo il grande cambiamento nel modo di porsi delle persone e siccome pensiamo che negli anni, noi di Anter Staff, abbiamo dato ampia dimostrazione di affidabilità, onestà e cortesia, vi chiediamo se ci vedete saccenti e presuntuosi tra la nostra mercanzia oppure se siamo ancora per voi una garanzia.

Ditelo nel blog.

Il prossimo post sarà la classifica delle tipologie di “cliente tipo” che con affetto abbiamo compilato.

Teresa d.

ESTATE: TEMPO DI VIAGGI – “DRESS-CODE” CONSIGLIATO

Thursday, June 9th, 2011

Con la stagione estiva alle porte pare naturale pensare a viaggi e spostamenti, occasione per me di accennare al “DRESS-CODE” in viaggio visto che mi capita di vedere bretelle di costumi da bagno esibite in aeroporto o tute militari anche se non siete nell’esercito,  pinne e maschera quando siete in automobile per raggiungere la meta della vostra vacanza al mare e gente con magliettina trasparente portata su shorts cortissimi e infradito ai piedi come se il mare stesse a un tiro di fionda e invece siamo ancora sugli Appennini. In estate riuscite a scatenare la fantasia e creare outfit raccapriccianti. Va bene che la fantasia a volte è più iportante del sapere, ma esagerare non è mai positivo e lo scenario è poco gradevole visto che l’Italia è la capitale mondiale del fashion e del buon gusto. Saranno tutti stranieri quelli conciati in quel modo?


Eppure a essere ben vestiti se stiamo viaggiando per le nostre sospirate e meritate vacanze è la cosa più semplice: preferire abbigliamento comodo.

Casual, sportivo, romantico, classico, colorato o unito ma che siano capi che vi fanno star bene ovunque, di tessuti naturali e traspiranti come cotone o lino e la viscosa al 100%, comfort o di maglina per avere addosso la piacevolezza e la morbidezza di cose che non stringono e non costringono.

Niente scollature esagerate che rendono volgare, pantaloni anche di linea larga che vi permettono libertà di movimento, scarpe basse per una camminata sicura,  equilibrata e veloce se siete in ritardo, maglietta o camicia manica lunga magari da rimboccare ma che vi permette di sopportare l’aria condizionata di auto, camper, aereo, treno, nave o pulman.

Se partite in moto, in bici o in autostop è un’altra storia… Niente finiture metalliche che con il sudore possono provocare allergie, no ai bustini aderenti, niente cinture troppo strette.


Eviterei collane, orecchini e bracciali se non quelli leggerissimi e non di metallo, che non tintinnano troppo e non si impigliano per lunghezza eccessiva nelle cose che potreste  avere in mano. Attenti anche al risvolto dei calzini, a volte sono troppo stretti e per viaggiare troppo scomodi e dannosi alla circolazione. Borsa multitasche con scomparti esterni e chiusi da cerniere che vi permette di avere ogni cosa al suo posto.  Valigia con ruote ultima generazione che vengono trainate e si spingono con una facilita e una leggerezza davvero speciale. Io adoro il marsupio, lo so che non è tanto di moda ma a me è sempre piaciuto e lo trovo più pratico dello zainetto e della tracolla che essendo più grandi si riempiono e diventano pesanti, il marsupio in vita invece vi da la libertà e la leggerezza di muovervi anche per le strade delle vostre escursioni. Metterei un K-way a portata di mano e un cappello di forma comoda e poco ingombrante ( le falde larghissime le possiamo esibire sulla spiaggia o a passeggio ). Niente o poco trucco, la stanchezza appesantisce i lineamenti e se si è troppo truccate l’effetto è devastante. Poco profumo e poco persistente, anzi meglio un buon deodorante. E non dimenticate il sorriso che è sempre messaggio di buona volontà. “Molta gente è felice perchè vuole esserlo”!

Insieme a tutti questi suggerimenti mi permetto di esortare anche a comportamenti civili. Essere in vacanza non vuol dire urlare, ascoltare musica ad alto volume o ballare fuori dall’auto anche se sta passando un funerale, parlare al cellulare ad alta voce tra la gente o mangiare ovunque magari apparecchiando il tavolo tra le auto in sosta. Sappiate che agire e pensare come tutti non è una garanzia e non è una giustificazione.

Ovunque siete e ovunque andrete, se avrete stile e rispetto per gli altri farà la differenza.

BUON VIAGGIO!

Teresa d.

 

SOGNI ALTISSIMI SUI TACCHI DI CAOVILLA…

Wednesday, June 8th, 2011

Sandali e non solo ad alta seduzione!

Sandalo gioiello

E ora anche un libro per celebrare la sua produzione: “OGGETTI D’ARTE CHIAMATI SCARPE” Biblos editore, finemente rilegato e illustrato, è il libro presentato alla Biennale di Venezia da Renè Caovilla, il gioielliere veneto delle calzature, per illustrare e decantare la sua arte di calzaturiere fashion e un mestiere artigianale dal quale ha saputo ricavare un impero.

Costantemente al passo con i passi le scarpe di Caovilla sono oggetti preziosi ai nostri piedi. Materiali pregiati e accostamenti insoliti per creare novità e desideri: pelliccia, perle, swarovski, pizzo, seta, piume di marabù, strass, pietre preziose, pelli rare.

Finemente lavorati con maniacale cura dei dettagli prendono forme insolite eccentriche innovative, tanto da sembrare oggetti da collezionare più che da indossare. Vero e proprio lusso, bagliori di luce che si sprigionano dalle scarpe, cristalli che rispecchiano di giorno e illuminano la notte ai piedi. Anche la suola brilla di polvere di cristalli, è il sigillo distintivo e abbagliante del brand. Scarpe super-chic e super-preziose che quasi dispiace averle sotto i piedi. Emozioni che fanno brillare anche gli occhi e lo sguardo più spento. Modelli perfetti con qualsiasi outfit. E per contenerle durante i viaggi il baule porta scarpe di Louis Vuitton tutto rivestito in morbido feltro e cotone assicura massima protezione alle scarpe gioiello.

Il paradiso per le amanti delle scarpe?  SELFRIDGES a Londra naturalmente. In Oxford Street, vetrine per stupire e oltre 4000 paia di scarpe tutte firmatissime di 120 griffe diverse. Lì Carrie Bradshaw, amante dello chic e della moda ai piedi potrà trovare le più nuove Manolo Blahnik, Jimmy Choo, Louboutin e le Caovilla naturalmente.

Per fortuna esistono le imitazioni…

Teresa d.

 

 

 

2 GIUGNO – FESTA DELLA REPUBBLICA ITALIANA NEL 150° DELL’UNITA’

Thursday, June 2nd, 2011

 

L”ITALIA REPUBBLICANA HA SOLO 65 ANNI- Siamo ancora così giovani per avere il senso dello Stato?

Era il 02 di giugno del 1946 quando ebbe luogo il grande referendum popolare in cui gli italiani scelsero di diventare una Repubblica. Diedero addio alla Monarchia e non perdonarono al Re di aver lasciato il paese e di essersi sottratto alle sue responsabilità. Prima grande consultazione nazionale dell’Italia libera. Gli elettori scelsero anche i componenti dell’Assemblea Costituente, italiani da tutte le parti dello stivale che seppero trovare unità di intenti e di valori e diedero vita alla Costituzione promulgata l’anno successivo.

Vorrei si ritrovasse l’entusiasmo del ’46 rispetto a un futuro tutto da costruire. Ma erano tempi in cui si ravvisava un valore politico e morale di grandi uomini.  Einaudi, Saragat, De Gasperi e tanti altri.

Il 02 di giugno è anche la Giornata delle Forze Armate. Alla presenza di rappresentanti di Governo da tutto il mondo, anche quest’anno Roma ci presenterà la parata militare di tutte le forze in campo. Vero esercito di pace e solidarietà tanto utile alla Nazione e spesso poco considerato.

Impariamo a considerarla una festa unificante di tutti gli italiani, una festa dei diritti conquistati ma anche un richiamo ai doveri da assolvere.  Impegnamoci a ritrovare un accordo in una stretta di mano guardandoci negli occhi mentre dalle labbra escono parole d’onore e nei pensieri il rispetto e il dovere. Andiamo incontro al futuro così poco di moda in uno Stato che dobbiamo sentire “nostro” perchè “noi” siamo lo Stato.

W l’Italia!

Teresa d.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...