Archive for September, 2011

NUOVA STAGIONE – SIETE PRONTI PER LA MODA?

Thursday, September 22nd, 2011

 

SI!

OGGI ESCO PER GUARDARE LE VETRINE

MI VOGLIO REGALARE QUALCOSA DI NUOVO + TANTA ALLEGRIA

 

VETRINA ANTER

Anteprima nuovi arrivi indossati da Mena, la mia preziosa collaboratrice,

e da Luca, modello per gioco.

Eleganza senza tempo di un abito nero

Rinnovati dettagli per un classico intramontabile

Per le occasioni d’inverno su abitino elegante leggero la stola in pelliccia

Abitino maglina e pelliccia ecologica

Pantalone “capri” di maglina + maglia kimono

Maxi casacca con quadri per lei e quadri grossi per lui

Abitino maglina

Abitino + giacca in maglia

Maglia manica kimono

“FABIOLA”

Completino in maglia

Maglia giro manica e pantaloni con pences

Polo rigata Balestra e giaccone Wampum

I quadroni sulle camicie

Riconoscibile eleganza della naturalezza e della semplicità. Il vero lusso è essere se stessi.

Vi aspetto per parlare insieme di futuro di moda e di come vi sta.

Teresa d.

 

 

AUTUNNO – MA NON PER DAVVERO

Monday, September 19th, 2011

 

 

Ci stiamo avvicinando alla stagione autunnale. Il caldo afoso dei giorni scorsi ha dato spazio a una notte di pioggia e di lampi. Serpentine incandescenti si sono rincorse nel cielo e hanno illuminato la notte. Tra due giorni l’autunno fa la sua entrata in scena anche nel calendario, nelle vetrine e nell’Italia del nord si è già annunciato. Nei nostri depositi anche.

Stiamo aspettando impazienti l’arrivo della nuova stagione? Si, il caldo se prolungato ci toglie energia. E poi abbiamo sempre voglia di qualcosa di nuovo. Anche se in questo caso il nuovo è una stagione intermedia, quella in cui siamo soliti pensare al  “cosa mi metto”? con ansia e indecisione.

Ecco perchè vi ricordo che vestirsi mixando è d’obbligo nelle mezze stagioni. Niente timore di mettere le calze e gli stivali con l’abitino estivo + il giacchino impermeabile leggero, oppure la giacca di lana leggera con i pantaloni di cotone e la t-shirt giro manica. E poi, non dimenticate l’intramontabile trench, quello leggero sarà perfetto per le piogge d’autunno.

 

 

I must have di quest’anno? Saranno gli accessori, cappelli stivali e guanti soprattutto. Ci sarà un forte ritorno del nero ma abbinato a tinte forti come il rosso  l’arancio e il fucsia. Intramontabili i toni del marrone come i colori della natura intorno, e le felpe come Abercrombie & Fitch insegna.

 

Poesia

CADE UNA FOGLIA

Cade una foglia che pare tinta di sole

che nel cadere ha l’iridescenza di una farfalla

ma appena giunta a terra si confonde con l’ombra, già morta.

E’ una poesia di Grazia Deledda. Il cadere delle foglie è la rappresentazione dell’autunno più classica e significativa di una natura che si ferma, attende l’inverno e riposa per poi ritornare rigogliosa. A noi non è concesso fermarci, non per molto tempo almeno, quindi prepariamoci ad accogliere la stagione autunnale con rinnovato vigore.

Evviva la nuova stagione!

Teresa d.

 

SOTTO IL VESTITO…

Thursday, September 15th, 2011

 

TANTI SEGRETI!

 

EVVIVA LE CURVE MORBIDE DI BELLE VERE.



Non so se i nuovi trend hanno detto basta alla donna ossuta, se Bridget Joanes ha davvero fatto scuola, se andando in giro nei musei abbiamo visto troppi quadri raffiguranti Giunone o le donne di Botero, se le bellissime modelle di Elena Mirò sono sempre più ammirate, se ci siamo lasciate andare ai piaceri della tavola ( ma voi andate sul sito “insiemecongusto.com”? andateci ) ma da un po di giorni nel mio negozio vedo tante belle signore formose mature consapevoli normali.

 

Niente autocompassione o colpevolezza o pietosi racconti di come eravamo. E’ stato facile con alcune stabilire quel contatto umano che tanto amo quando si parla di vestiti e di “come mi sta”. A tutte ho ricordato di come il body modellante si sta rinnovando. E ci siamo raccontate i segreti della biancheria intima, di quanto sa essere seducente e anche snellente, di quanto era di moda un tempo, quando indossare un body in pizzo o in raso rifinito in pizzo era la quotidianità.

 

La moda di questi intimi indumenti ha accompagnato la donna nella sua evoluzione culturale e sociale e dagli anni in cui era sottomessa fino alla libertà sessuale acquisita i modelli si sono adattati ai cambiamenti e alle nuove esigenze fino a subire un fermo negli ultimi anni quando abbiamo dato spazio all’essenziale in nome della comodità e della nudità e l’intimo ha sopravvissuto solo grazie a esigenze particolari, come ad esempio per le spose formose o tutte le donne di taglia dalla 52 in poi ma solo per le occasioni.

 

Ma ora ritornano a vestire l’intimità con grande charme e seduzione. Nuovi bellissimi tagli invisibili e tessuti morbidi e contenitivi sono capaci di modellare il corpo rendendolo naturalmente sinuoso e aggraziato anche quando il giro vita si è allargato, i fianchi sono un pò aumentati, le gambe arrotondate e il seno si è ammorbidito. E non abbiate timore di svelare il segreto intimo sulla vostra pelle, sono talmente intriganti e seducenti che vanno mostrati con fierezza.

 

E da sopra i nostri intimi segreti anche l’abito di maglina cadrà scivolato.

Ricordate, donne si nasce, seduttrici si diventa.


Teresa d.

RICORRENZE… 11 SETTEMBRE

Saturday, September 10th, 2011

CELEBRAZIONI – COMMEMORAZIONI – ANNIVERSARI – FESTIVITA’

 

Si susseguono per la vita e nella vita lasciano ricordi e un vissuto che non si cancella.

Nella mia città è la settimana dedicata alla festività di S.M.dell’Olmo, patrona di Cava dè Tirreni, molto omaggiata e osannata. Stasera la mia casa è illuminata e flashiata delle luci delle giostre che occupano un piccolo spazio adibito a Luna Park itinerante, proprio sotto casa. Come enormi giocattoli rotanti,  nuovi e storici congegni elettronici si rincorrono tra suoni e colori. C’è aria di festa. Ma non dappertutto nel mondo.

Nel mondo si susseguono esplosioni, proteste, guerre, uragani, emigrazioni, manifestazioni. Pare non ci sia più limite ad arginare il male.

E domani ricorre il decennale della strage alle Torri Gemelle. Una  data e un momento fissati nella storia del mondo e nella mente di molti. Intanto che dalle macerie di Ground Zero la Freedom Tower si appresta a riprendersi il potere simbolo con l’altezza simbolo di una data storica ( pare sia alta come la data della Dichiarazione d’Indipendenza Americana ), tra i carrozzoni variopinti a quest’ora animati urlanti e festanti, mi sento di elevare un pensiero e una preghiera per tutte le vittime di tutte le stragi.

Teresa d.

SETTEMBRE DA ANTER…

Wednesday, September 7th, 2011

 

Da ragazza era il mese della malinconia.

Le giornate più corte, il sole sbiadito, basta cucito, il mare lasciato, la scuola tra poco. Tutto intorno pareva avere un alone di struggente nostalgia. Se avessi amato le musiche e i vestiti anni venti, l’alcol e le feste, sarei stata perfetta interprete della vita noiosa dei personaggi del Grande Gatsby.

Ora nemmeno mi accorgo delle giornate più corte e del sole sbiadito. I giorni sono sempre pieni di impegni tra merce in arrivo rappresentanti a proporre e clienti da ricevere. E nel poco tempo libero ci si ascolta e racconta tra colleghi, quest’anno la sposa ha più cose da dire.

Ma cosa chiedono in un negozio di abbigliamento i sempre meno clienti di questo periodo che è’ ancora estate ma non a sera? Ve lo dico io, che da anni mi tormento di non saperli accontentare.

Da donna:

- sottogiacca elegante ( sa, per sostituire quello dello scorso anno e ravvivare il tailleur che indosserò a fine mese per una cerimonia)

- spolverino trasparente leggero e colorato, magari fantasia bianco/nero ( sa, per il tubino nero dello scorso anno, aveva la giacca, ma se ci metto una camiciola fantasia lo rinnovo)

- abitini leggeri ( sa, mi sono decisa a comprare un abitino, basta i soliti pantaloni, ora con la gamba abbronzata mi piace anche l’abito )

- giacca leggera / maglia cotone manica lunga  ( sa, la sera comincia a far fresco e in primavera non l’ho comprato )

- una gonna blu o nera – da sostituire a quella rovinata del tailleur ( sa. quello dell’anno scorso, ma non questo blu, o nero, no, non così scuro o chiaro o lucido o raso o… Ma signora, bisogna portare la giacca per abbinare… )

 

- tailleur per fine settembre o ottobre – ma semplice ( sa, quel mezzo peso, qualcosa di leggero ma caldo, e io so che la lana di un tempo, quella finissima gabardine in lana che solo pochi sapevano apprezzare, è scomparsa-introvabile-sostituita da tessuti stranieri. Meno male che ho gli intramontabili 3/pezzi ANTER di viscosa pesante e riesco a proporre qualcosa )

- grucce – buste copriabiti – carrelli  ( sa, tra poco faccio il cambio di stagione, mi potrebbero servire )

Da uomo:

- abito da cerimonia  ( facile accontentare un uomo per la cerimonia, hanno meno pretese, gusto classico, molta fiducia, un attimo di riflessione per la scelta della cravatta )

- camicia manica lunga  ( la camicia è un capo intramontabile nel guardaroba maschile. Le nuove righe sono già disponibili in negozio. )

- jeans  ( intramontabile sempreverde denim quasi sempre assortito in negozio, perfetto in ogni stagione )

- pullover – classico collo a “V” di lana pettinata leggera,  ( sa, è per il nonno che lo indossa sempre anche d’estate, o per l’uomo classico che tra un po lo porta sotto l’abito e affronta il primo fresco autunnale)

E così, tra “scusitantosignorina”, settembre è il mese meno facile per le vendite al dettaglio.

Ma noi siamo sempre pronti ad ascoltare e impegnati a soddisfare tutti, ovviamente.

Teresa d.

QUESTA ESTATE DA ANTER…

Monday, September 5th, 2011

MARIKA

RAGAZZA ASSAI STUDIOSA

CHE D’ESTATE NON RIPOSA

E DA ANTER OGNI MATTINA

“SCUSITANTOSIGNORINA”

E LEI PRONTA SI AVVICINA, ASCOLTA BENE E POI PROPONE

MA LA MERCE MAI RIPONE

 

ORA E’ ANDATA PER STUDIARE

AL PRIMO POSTO C’E’ IL SAPERE

NON STANCARTI DI IMPARARE

 

A NOI LASCIA IL SUO PARLARE

DI UNA SQUADRA ECCEZIONALE

E POI

I SORRISI E LA SUA GRAZIA, I BEI MODI E LA BELLEZZA

BENTORNATA GIOVINEZZA!

 

CI MANCHERA’ LA SIMPATIA E LA TUA BELLA COMPAGNIA.

 

TERESA

 

Ho omaggiato Marika di queste parole che ho intitolato “ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE”.

Marika è una ragazza assai volenterosa che questa estate ha frequentato il mio negozio per non stare a casa a far nulla. “Puoi leggere o aiutare la mamma in casa”, ho risposto alla sua richiesta, ma niente da fare, a lei piace il mondo dei vestiti e l’ago e filo, la mamma cuce. E proprio come usava un tempo, quando finita la scuola c’era da imparare un mestiere e si formavano tanti eccellenti lavoratori, un tempo, quando non era cosa scandalosa aiutare il meccanico o il barbiere sotto casa per un po di tempo in estate e intanto si apprendeva qualcosa anche solo frequentando il mondo del lavoro, lei puntuale entusiasta e allegra è venuta al negozio tutti i giorni o quasi. Oggi invece, grazie anche a stupidi cavilli burocratici e sospetti di sfruttamento dei minori, i ragazzi, nel pieno della loro capacità di apprendimento e del loro entusiasmo giovanile vengono tenuti tre mesi a casa a far nulla. Ovviamente chi può segue la famiglia al mare, e fa nulla al mare, perchè tranne che per i meritati giorni di riposo e di relax, e poi gli incontri, i tuffi, i falò, la bici e gli amori stagionali, non fa nessun mestiere. E in nome di non so cosa, abbiamo formato un’Italia di studenti fuori corso e intellettuali, di diplomati e laureati che se ne vogliono andare e operai specializzati e lavoranti da importare. Non c’è più passione nel fare le cose e non c’è più la voglia di imparare.  Forse anche per questo, sig. Edoardo Nesi, la sua Prato è dei cinesi.

Teresa d.

 

PRIMI DI SETTEMBRE – ULTIMI GIORNI D’ESTATE…

Friday, September 2nd, 2011

 

E PRIME SETTIMANE DI VACANZE PER ALCUNI

 


Intanto che ci godiamo gli ultimi giorni d’estate, molti di voi hanno scelto settembre per le loro vacanze. Ottima scelta. Meno presenze e prezzi ribassati. Così dovrebbe essere. Ma io ho notato che il calendario di alcuni operatori turistici e di gestori di Hotel e affittacamere, è cambiato. E tanto per adeguarsi ai gusti e alle sempre più richieste di vacanze a settembre, hanno allungato il periodo di alta stagione, o media, fino a settembre. Resta comunque il privilegio di avere più spazio e meno affollamento sulle spiagge e nei luoghi da visitare.

Per noi di ANTER invece, il lavoro di ricezione merce cominciato ai primi di luglio continua. Siamo alle prese con il lavoro di “deposito”: scaricare, contare, firmare bolle di consegna, riscontrare dall’ordine, prezzare, caricare la merce al computer, riporre negli scaffali. Che se non sono vuoti di merce venduta, bisogna farvi spazio. Un pò come il lavoro di imminente “cambio di stagione” che ci aspetta nel nostro guardaroba.

Il mio colloaboratore-braccio destro Felice, è già pronto con gli appuntamenti e riceve clienti negozianti per mostrare i campioni della merce consegnata. Oppure è pronto alla guida del furgone per consegnare la merce già ordinata dai clienti negozianti.

Insomma, c’è una parvenza di lavoro in corso, meno male.


E nel deposito è già autunno, come già da tempo in alcune vetrine cittadine. Pare che i “grandi saldi” hanno sempre più vita breve e tutti si affollano a mostrare merce autunnale anzitempo. Io ho ancora la vetrina estiva, preferisco seguire i ritmi della natura.  Aspetto l’autunno almeno sulla carta per averlo anche in vetrina.

Teresa d.

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...