EVVIVA LA MODA COMODA!!!

Ciao a tutti, visto quanto è lunga la mezza stagione?
Temperature italiane ancora sopra la media.
Tranne che nei luoghi ad altezza infinita dove di sera i piumini già vi hanno “vestiti”.

E per superare il “cosa mi metto stamane…?”, avete provato a mixare?
Spero di si.
E che il risultato vi abbia entusiasmato oltre che aiutato davanti alle ante spalancate che spesso ci lasciano avvilite perchè pare che i vestiti lì appesi siano stati ristretti o allungati o allargati o scoloriti, solo perchè sono i soliti e non proviamo a portarli diversamente abbinati.
Vi assicuro: li vedremo rinnovati!

Ho sfogliato il magazine “D” di Repubblica, insolitamente trovato dal parrucchiere.

Mi perdoneranno i carissimi laboriosi creativi della chioma, ma nei loro saloni si trovano troppo spesso solo riviste di pettegolezzi che io trovo oramai noiose e stupide nella loro insistenza di preparare articoli inventati per alimentare appunto “il pettegolezzo”.
Ma stamane c’era “D” ed io l’ho sfogliato per vedere le foto di una moda passata che vuole ritornare a vestirci “allargate”.

Si! capi morbidi, larghi, informali, scivolati, destrutturati, ampi.

Io li ho sempre visti fantastici addosso alle magre. Perchè fluttuano e si muovono con una grazia leggiadra. Addosso alle più formose invece hanno la magica capacità di nascondere dove e quel tanto che serve.

Ma dopo tanto strech – attillato – sagomato – strutturato – strizzato – modellato – sfiancato, riusciremo a vestire di nuovo “scivolato”?

Sicuramente si. Già i top e i maglioni sono extra-large.
E poi perchè da sempre la moda ha un ritorno di moda che sa essere sempre di moda.

Ciao a tutti e buon S. Martino.
Che in certe zone si traduce in tanti gustosi torroncini.
Attenti alla linea… ;-)

Teresa d

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Responses to EVVIVA LA MODA COMODA!!!

  1. Giacoma says:

    Hai ragione Teresa. Purtroppo però se quel tipo di riviste si trova ancora dal parrucchiere è perchè sono i clienti che le vogliono :-(

    • teresa says:

      Ma non sempre va bene dare quello che vogliono, in questo caso meglio far capire che c’è dell’altro.
      Io farei trovare dei libri che le clienti potranno leggere a puntate a ogni piega.
      O riviste un po più interessanti…
      Sono troppo severa?
      Teresa d.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>